sabato 16 giugno

CARROPONTE REGGAE SUMMER PARTY w/ RADICI NEL CEMENTO

Una notte in levare per rinfrescarsi dalla calura estiva o sudare nella verde dancehall del Carroponte, pronta ad accogliere i vostri sorrisi a suon di ritmi sincopati e buonumore. 
Un lungo viaggio con la mitica reggae band della scena romana, tra storiche hit e nuovi successi. It’s Reggae Summer Party.

RADICI NEL CEMENTO
Impossibile dimenticare pezzi di storia come “Bella ciccia” e “Skarabiniere”, “La bicicletta” e “So rugantino”. Ritorna, a due anni da Fiesta!, il primo album live, la storica reggae band romana torna sulle scene con il singolo-video “Movimento lento” (un elogio della lentezza in levare) e con l’album “7”, disco pubblicato da RNC produzioni e distribuito da Goodfellas.
Difficile riassumere in poche righe la lunga vicenda artistica della band, che esordì nel 1993 con il nome di Roots In Concrete per poi scegliere nel 1995 quello di Radici nel Cemento.
Nel corso degli anni, il gruppo ha tenuto un numero impressionante di concerti in Italia e in Europa, collaborando con nomi storici della scena reggae giamaicana (da Laurel Aitken a Max Romeo, a Alton Ellis) e italiana (Bunna e Madaski degli Africa Unite e Roy Paci). Le loro canzoni pervase dal ritmo profondo e contagioso del reggae hanno puntato il dito contro le ingiustizie, raccontato l’amore spesso in chiave ironica, trasmettendo quella sensazione di unità e forza propria di chi crede che la musica non sia solo e soltanto moda o intrattenimento fine a se stesso. Spesso i Radici nel Cemento hanno inserito nei loro testi parole e atteggiamenti che appartengono alla cultura romana più popolare e autentica. Non a caso sono stati tra i primi a prendere posizione contro la deriva omofobica che ha macchiato la scena reggae giamaicana degli ultimi anni. Quella dei Radici nel Cemento è una storia, ormai lunga e importante, che è partita dal basso ( non a caso lo strumento fondamentale del reggae) e che continua su quel percorso. Questa è una band indipendente, libera e orgogliosa, che continua a gridare forte e a coinvolgere in maniera semplice, diretta e immediata il pubblico.

«Fino a quando il colore della pelle sarà più importante del colore degli occhi ci sarà sempre la guerra.» BOB MARLEY

H 21.00 – Ingresso Gratuito

Prossimi eventi